Archive for Marzo 2015

30 Mar 2015

La Settimana Santa a Seui: “Su Scravamentu” venerdì 3 aprile 2015

Filed under Siti GD - Seui

Da sempre anche la Comunità Seuese vive la “Settimana Santa” con profonda fede ed un partecipe stato d’animo.
A Seui la cerimonia più sentita è sicuramente “su Scravamentu”. La deposizione del Cristo dalla croce, che si celebra ogni venerdì santo anche in numerose chiese della nostra isola. Questa tradizionale manifestazione di fede sembra sia stata introdotta in Sardegna dalla chiesa greca, durante il periodo di influenza bizantina (533 – 900 d.C.).

A Seui la celebrazione del rito de’ “Su Scravamentu” è una tradizione piuttosto recente. Infatti il primo “Scravamentu seuese” data 1919, quando venne introdotto dall’allora parroco don Giuseppe Mancosu.
Da allora questa sacra rappresentazione si rinnovò ogni anno, eccetto per un periodo compreso tra la fine degli anni ’60 e ’70. Ma nel 1981, grazie all’interessamento dell’allora parroco, don Dino Bisi, ed alcuni seuesi la tradizionale manifestazione di fede è ripresa. Rinvangando nella memoria, oltre alla ricostruzione dei costumi, copie fedeli degli originali andati purtroppo perduti, sono state riscoperte anche le stesse preghiere.
Oggi, dopo 95 anni dalla prima edizione seuese de’ “Su Scravamentu”, questa rappresentazione si svolge nella chiesa parrocchiale dedicata a Santa Maria Maddalena. Sull’altare maggiore viene allestito un palco, dominato da una grande croce in legno col simulacro del Cristo inchiodato.

Il rito inizia con la celebrazione della Via Crucis, un’ora dopo il tramonto del sole. Quando si giunge alla dodicesima stazione, quella della morte di Gesù, salgono sul palco i discepoli Nicodemo, Giuseppe D’Arimatea, Simone il Cireneo e l’Apostolo Giovanni, con le loro vesti variopinte e preceduti da una coppia di angeli. Il momento che viene vissuto con più intensa commozione e partecipazione dalla folla dei fedeli è sicuramente quando Giuseppe D’Arimatea e Nicodemo estraggono i chiodi dai polsi e dalle caviglie e levano la corona di spine dal capo del Cristo. Una volta deposto dalla croce, la statua del Salvatore viene avvolta in un sudario candido e presentata alla madre.
Al termine della cerimonia in Chiesa il simulacro viene deposto su una lettiga e accompagnato da quello della Madonna Addolorata viene portato in processione per le vie del centro storico. (Giuseppe Deplano, copyright © 2015 – riproduzione riservata)

Commenti disabilitati

28 Mar 2015

Domenica 29 marzo 2015: 75° anniversario della morte del seuese ten.col. Rinaldo Loy

Filed under Siti GD - Seui

</a

Nella notte del 29 marzo 1940, sulle alture in località “Amba Ghiorghis-Incasc”, in Etiopia, cadeva in combattimento il tenente colonnello Rinaldo Loy, alla testa del suo Battaglione.
Seui tra i suoi figli illustri, oltre a letterati, scienziati, religiosi e imprenditori, ha avuto anche valorosi militari. Colui che in divisa ha conquistato i più elevati riconoscimenti è stato Rinaldo Antonio Pietro Loy. L'Unico seuese che è stato insignito della Medaglia d'Oro al Valor Militare.
Nato a Seui il 15 marzo 1894, Rinaldo Loy terminati gli studi superiori nel 1914 si arruola come allievo ufficiale di complemento nell’81° Reggimento di Fanteria.
Nell’aprile 1915 è sottotenente di complemento a Ozieri, nel costituendo 151° Reggimento Fanteria della Brigata “Sassari”. A maggio è già nelle trincee del Carso.
Il 5 agosto 1915, mentre guidava il proprio reparto nel corso dei combattimenti a “Bosco Cappuccio” (Carso) rimane ferito gravemente alla spalla sinistra. In questa circostanza ottiene la sua prima Medaglia di Bronzo al Valor Militare. Dopo il nosocomio Militare di Parma, la convalescenza la passa in famiglia, a Seui.
Il 28 giugno 1916 torna in prima linea nei ranghi nel 152° Reggimento Fanteria, sempre nella Brigata “Sassari”.
Il 1 febbraio 1917 viene promosso tenente e transita per meriti di guerra dal Servizio di Complemento al Permanente effettivo (Spe).
Il 28 febbraio sul “Monte Zebio”, riceve un encomio solenne dal Comando di Brigata per il fiero comportamento mantenuto in azione.
L’11 giugno, nel corso di una cruenta battaglia sempre a “Monte Zebio” conquista la sua prima Croce al Valor Militare.
Nell’azione del 15/18 settembre sull’altipiano della “Bainsizza” gli viene conferita una Medaglia d’Argento al V.M.
Il 16 marzo 1918 diventa capitano.
Il 16 giugno nella battaglia di “Croce”, sul Piave, ottiene la sua seconda Medaglia di Bronzo al V.M.
Nel corso del primo conflitto mondiale Loy partecipa anche ai sanguinosi combattimenti di “Trincea delle Frasche”, “Monte Zebio”, “Trincea dei Razzi”, “Col d’Echele” e “Col di Rosso”.
Nel primo dopoguerra diventa aiutante di campo del comandante della Brigata “Sassari”, con sede e Trieste. Nel 1922, in questa città conosce Maria Widmar, che diventerà sua moglie. Dal matrimonio nasce una figlia, Marinella.
Dal 1929 al 1934 presta servizio nel 9° Reggimento Fanteria “Regina”, con sede a Rodi, nelle Isole del Dodecaneso, allora italiane.
Dal 1934 al ‘36 è istruttore nella Scuola di Applicazione di Fanteria a Parma.
Allo scoppio della guerra in Etiopia chiede di partecipare. Nel marzo 1936 giunge a Massaua, al Comando della XXI° Divisione Camicie Nere “21 Aprile”.
Il 31 dicembre viene promosso maggiore.
Il 19 aprile 1937 assume il comando del XXXIII° Battaglione Coloniale Eritreo (inquadrato nella III^ Brigata Eritrea, al comando del generale Cubeddu). Si tratta del famoso Battaglione “Tipo”, il più famoso reparto di questo genere, composto da ufficiali italiani e da truppa e sottufficiali indigeni (ascari eritrei).
A “Lasta”, in Etiopia, dopo una serie di rischiose operazioni condotte conto il nemico tra il 21 e il 31 settembre 1937, gli viene conferita la seconda Medaglia d’Argento al Valor Militare.
La sua seconda Croce al Valor Militare la conquista in azione a “Neva Seghè”, tra ottobre e dicembre 1937.
Il 5 marzo 1938 arriva la terza Medaglia di Bronzo al V.M. per aver guidato due battaglioni in una eroica azione di copertura ad una autocolonna in località “Bosco di Posit-Danghila”.
A “Faguttà – Gaggiam” (25 al 27 marzo 1938) al comando del suo Battaglione coloniale in furiosi combattimenti infligge forti perdite al nemico. Arriva la sua quarta Medaglia di Bronzo al V.M.
Il 15 gennaio 1939 conquista la sua quinta Medaglia di Bronzo nella battaglia di “Monte Ivriè” –“Beghemeder”.
Il 1 gennaio 1940 è promosso al grado di tenente colonnello.
La vibrante vita di questo soldato seuese si conclude da vero eroe, così come viene spiegato nella motivazione della sua Medaglia d’Oro al Valor Militare alla Memoria: “Intrepido comandante di battaglione coloniale, trascinatore e suscitatore di ogni entusiasmo, inviato a rinforzo a truppe impegnate contro preponderanti forze nemiche, conteneva durante la notte l’azione dell’avversario, immobilizzandolo. Il mattino successivo, a capo dei reparti avanzati, si slanciava arditamente all’attacco, sgominando il nemico ed assicurando il possesso della posizione raggiunta. Nell’ultima fase del combattimento, mentre con l’esempio del suo indomito valore incitava gli uomini alla lotta ed alla vittoria, colpito a morte immolava sul campo la sua esistenza, tutta intessuta di eroismo e di dedizione al dovere ed alla Patria. Le sue ultime parole furono: “Non curatevi di me! Avanti ascari!
Viva l’Italia”. (“Amba Ghiorghis-Incasc”, 29/30 marzo 1940).
Oggi il seuese Rinaldo Loy è sepolto a Roma nel Sacrario Militare del Cimitero Monumentale del Verano.

Rinaldo Loy attualmente risulta tra i soldati sardi più decorati (una medaglia d’Oro, due d’argento, cinque di bronzo e due croci di guerra al Valor militare). Nel 1956 a questo suo eroe Seui ha dedicato la piazza principale del paese, mentre il Ministero della Difesa gli ha intitolato la caserma di Nuoro, sede della Base logistico addestrativa della Sezione autonoma artiglieria dell’Esercito.
(foto: Seui, Casa natale del ten.col. Rinaldo Loy, Medaglia d’Oro al Valor Militare)
(Giuseppe Deplano – copyright © 2015)

Commenti disabilitati

    Get Adobe Flash player
  •  

    Marzo: 2015
    L M M G V S D
    « Feb   Mag »
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  
  • Disclaimer

    "SEUI"
    IERI, OGGI E DOMANI

    A cura di Giuseppe Deplano (giornalista e studioso di storia e cultura della Sardegna)

    Copyright © 2009
    Tutti i diritti riservati.
    E' vietata ogni riproduzione o duplicazione, anche parziale (ai sensi della legge n. 633/41).

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una periodicità regolare e pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale (legge 7 marzo 2001, n. 62),

  • Contatti

    gd.seui@tiscali.it

  • Meta